Home Consumatori Consumatori Aosta

Turismo in Val d’Aosta, tra Chambave e Saint-Marcel

0
CONDIVIDI
Turismo in Val d’Aosta, tra Chambave e Saint-Marcel

Valle d’Aosta, un’area paesaggistica di particolare valore ambientale per attrarre e valorizzare le ricchezze del bordo alveo della Dora Baltea

L’Assessore all’Ambiente, Risorse naturali e Corpo forestale e il Presidente del Consorzio Regionale per la tutela, l’incremento e l’esercizio della pesca in Valle d’Aosta rendono noto che è in fase di costituzione un’area paesaggistica di particolare pregio ambientale che valorizzerà tutte le ricchezze presenti a bordo alveo della Dora Baltea, sul tratto compreso fra i comuni di Chambave e Saint-Marcel.

Nello specifico verrà realizzata una riserva di pesca turistica che potrà, nel contempo, offrire più proposte: si va dalla pista ciclabile che tocca le aree sportive di Chambave e Fénis alla visita dei castelli di Fénis e Cly, al museo Mav, alle miniere di Saint-Marcel oppure all’osservatorio astronomico di Saint-Barthelemy, ma anche alla cappella di Marseiller (e molte altre ancora) intercettando numerose offerte di prodotti tipici (dalla Crotta di Vegneron alle numerose aziende presenti sul territorio) ed interessando tutte le strutture ricettive presenti (dagli alberghi, passando per gli agriturismi, fino ad arrivare ai numerosi B&B).

Nella mattinata di oggi, giovedì 20 agosto, dopo un lavoro di concertazione e di confronto iniziato nei primi giorni di gennaio, l’Assessorato dell’Ambiente, Risorse naturali e Corpo forestale, il Consorzio pesca e i  rappresentanti dei comuni di Chambave, Saint-Marcel, Nus, Fénis, Verrayes e del Corpo Forestale della Valle d’Aosta hanno provveduto a individuare, in loco, le aree più idonee alla realizzazione di parcheggi, punti acqua, wc, ecc… per una corretta e coordinata gestione dell’area, che verrà poi disciplinata con apposita convenzione con l’intervento della CVA e della Struttura regionale opere idrauliche per la corretta gestione delle acque.

La riserva, che va ad ampliare l’offerta turistica in Valle d’Aosta, sarà inserita già nel prossimo Calendario ittico regionale ed entrerà in funzione dalla primavera 2021.


Loading...