Home Cultura Cultura Aosta

Ritratti d’oro e d’argento, progetto espositivo è rimandato

0
CONDIVIDI
Ritratti d’oro e d’argento, progetto espositivo è rimandato

Rimandata l’apertura della mostra Ritratti d’oro e d’argento nel Museo del Tesoro della Cattedrale

L’Assessorato regionale dei Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio e la Diocesi di Aosta comunicano che, in seguito all’entrata in vigore del decreto legge 13 marzo, n. 30, le cui disposizioni di prevenzione e contenimento del contagio da Covid-19 saranno valide fino al 6 aprile compreso e, pertanto, visto il contestuale ingresso della Valle d’Aosta in zona arancione, l’apertura al pubblico della mostra Ritratti d’oro e d’argento. Reliquiari medievali in Piemonte, Valle d’Aosta, Svizzera e Savoia, prevista presso il Museo del Tesoro della Cattedrale di Aosta, viene posticipata alla prima data possibile, in coerenza con le norme vigenti.

Il progetto espositivo si articola su due sedi, in emblematico e reciproco dialogo: Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica, a Torino, e il Museo del Tesoro della Cattedrale, ad Aosta. Nella città sabauda la mostra, in corso fino al 12 luglio 2021, presenta nella Sala Atelier una galleria di busti reliquiario dal Trecento al primo Cinquecento, raffiguranti santi legati alle devozioni del territorio e alle titolazioni di determinate chiese locali, oltre ad alcuni esemplari dalla Svizzera e dall’Alta Savoia.

Nel capoluogo valdostano, l’esposizione, sostenuta anche dal Rotary Club di Aosta, consentirà di ammirare i preziosi busti quattrocenteschi del Tesoro della Cattedrale di Aosta e una serie di reliquiari di analoga tipologia provenienti da alcune chiese della regione.

In questi giorni proseguiranno ugualmente le operazioni di allestimento, come da programma, con l’auspicio che si possa rendere l’esposizione visitabile a partire dal mese di aprile.

Tuttavia si cercherà di avviare un dialogo col pubblico grazie ai canali social regionali (playlist Cultura del canale Youtube regionale, profili Twitter @CultureVdA e @Valle_dAosta, pagina Facebook Valle d’Aosta @visitdaosta, pagina Facebook MAB Diocesi di Aosta) con la pubblicazione ricorrente di immagini fotografiche o brevi video che possano iniziare a raccontare e illustrare alcuni dei busti reliquiario più significativi, la loro storia, le raffinate tecniche di realizzazione, i preziosi materiali utilizzati e la tradizione devozionale di cui erano e sono tuttora emblematico oggetto.

Grazie ai media digitali quali il sito www.palazzomadamatorino.it e le pagine Facebook e Instagram, oltre che il profilo YouTube, sarà possibile apprezzare virtualmente anche la mostra torinese.

In attesa di poter apprezzare la mostra in presenza, sono state realizzate iniziative virtuali utili a suscitare interesse e curiosità.

Si ricorda infine che, in ragione della situazione sanitaria, in Valle d’Aosta sono chiusi al pubblico tutti i siti archeologici, i castelli, i musei e le sedi espositive regionali.

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio Patrimonio storico-artistico del Dipartimento Soprintendenza per i beni e le attività culturali ai numeri: 0165-274327, 0165-274364.

Fonte: Assessorato Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio – Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta / Vallée d’Aoste


Loading...