Home Consumatori Consumatori Aosta

Pont Suaz, Carlo Marzi, un valore storico che risale al 1858

0
CONDIVIDI
Pont Suaz, Carlo Marzi, un valore storico che risale al 1858

Acquisizione del ponte sulla Dora Baltea denominato Pont-Suaz, tra i comuni di Aosta e Charvensod

L’Assessorato delle Finanze, Innovazione, Opere pubbliche e Territorio comunica che nel corso della seduta di oggi, lunedì 29 marzo 2021, la Giunta ha approvato l’acquisizione al demanio stradale di competenza dell’Amministrazione regionale del ponte sulla Dora Baltea denominato Pont-Suaz, posto tra i comuni di Aosta e Charvensod.

L’acquisizione al patrimonio regionale del Pont Suaz – spiega l’Assessore Carlo Marzi – è un passaggio di consegne tra amministrazioni che definirei storico, considerato che risale al  1858 la costituzione del  consorzio formato dai Comuni dell’Envers per la ricostruzione del ponte sulla Dora Baltea a collegamento con il capoluogo regionale.

Il consorzio dei Comuni di Aosta, Cogne, Aymavilles, Jovençan, Gressan, Charvensod, Pollein e Brissogne si era costituito per suddividere la spesa necessaria alla ricostruzione del ponte in pietra, poi realizzato nel 1861. Il manufatto ha nel tempo assunto grande importanza quale nodo viabile ad alti flussi di traffico, tanto che nel 1982 l’amministrazione regionale si è fatta carico dell’allargamento della sede stradale originaria. L’assunzione alla proprietà regionale dell’opera si pone in analogia ad altri importanti attraversamenti sulla Dora Baltea che consentono un diretto collegamento con le strade classificate regionali.

Abbiamo ritenuto importante soddisfare la richiesta avanzata dalle Amministrazioni comunali, vista l’importanza che il Pont Suaz ha assunto nel contesto viabile, crocevia di ben tre strade regionali con un transito annuo di circa sette milioni di veicoli. Il ponte diverrà parte della strada regionale 18 di Pila, e la Regione si farà carico delle risorse economiche necessarie a garantirne l’efficienza in servizio e a sostenerne i futuri interventi manutentivi – conclude l’Assessore Marzi.

 

Fonte: Assessorato delle Finanze, Innovazione, Opere pubbliche


Loading...