Home Cultura Cultura Aosta

L’agroalimentare della Valle d’Aosta

0
CONDIVIDI
L’agroalimentare della Valle d’Aosta
L’agroalimentare della Valle d’Aosta

L’agroalimentare della Valle d’Aosta in grande esposizione al Marché au Fort,  l’8 e il 9 ottobre 2022 a Bard

L’agroalimentare della Valle d’Aosta . L’enogastronomia regionale e le aziende produttrici locali saranno i protagonisti dell’edizione 2022 di Marché au Fort, il più importante appuntamento dedicato al settore agroalimentare in programma nella cornice del borgo medievale e del Forte di Bard sabato 8 e domenica 9 ottobre 2022.

L’evento è organizzato dall’Assessorato dell’Agricoltura e Risorse naturali, in collaborazione con la Chambre valdôtaine, l’Associazione Forte di Bard e il Comune di Bard. L’appuntamento vuole incoraggiare e sostenere le produzioni locali, dando visibilità all’ampia gamma delle specificità del territorio e promuovendo le diverse realtà imprenditoriali del settore.

Saranno 71 le aziende partecipanti all’evento, che presenteranno le produzioni delle filiere agroalimentari della regione: dai salumi ai formaggi, dal miele ai prodotti da forno, dalle carni ai vini e alle produzioni ortofrutticole, prodotti sotto regimi di qualità DOP, DOC, IG, prodotti agroalimentari tradizionali (PAT), prodotti trasformati e biologici. In questa edizione, per arricchire il panorama degli espositori e conoscere anche alcune eccellenze di altri territori, l’Assessorato, con la collaborazione della Condotta Slow food Valle d’Aosta, ha invitato alcune aziende con prodotti “presidi slow food”, saranno presenti in particolare la prugna Ramassin di Valle Bronta (CN) e il peperone di Capriglio (AT).

L’elenco completo degli espositori è consultabile sul sito istituzionale della Regione al seguente link:

https://www.regione.vda.it/agricoltura/manifestazioni/Manifestazioni_2022/marche_au_fort_2022_i.aspx

Dice l’Assessore all’Agricoltura e Risorse naturali, Davide Sapinet:  «Il Marché au Fort è la più importante vetrina dell’enogastronomia della nostra regione, un settore che sta dimostrando una grande vitalità e forza, anche in anni come questi dove prima la pandemia ora le crisi energetica e climatica mettono a dura prova la vitalità delle nostre aziende. Per questo fa ancora più piacere vedere anche quest’anno una nutrita partecipazione di aziende, di agricoltori che possiamo incontrare e con cui possiamo parlare di enogastronomia oltreché apprezzarne i prodotti. Questo significa portare l’attenzione su piccole realtà, sulla passione e l’impegno di singoli produttori e certamente sulla qualità di un’agricoltura che ha un fortissimo legame con le tradizioni e con il territorio di montagna.»

L’appuntamento è anche l’occasione per visitare il polo museale del Forte di Bard, il Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere, il Museo delle Alpi, il percorso sulla storia del Forte all’interno delle Prigioni, le esposizioni in corso del progetto Save the glacier, che contempla ben tre mostre dedicate al tema del cambiamento climatico sulle aree glaciali, ed un’esposizione dedicata al re del Parco nazionale del Gran Paradiso: lo stambecco.

L’ingresso al Forte di Bard sarà gratuito nelle giornate dell’evento (a pagamento l’ingresso a musei e mostre secondo le abituali tariffe).

«Il Marché au Fort è per tutto il territorio un appuntamento irrinunciabile e rappresenta al meglio la forza della capacità di fare rete tra enti – dichiara la Presidente del Forte di Bard, Ornella Badery -. Una vetrina per il mondo agricolo e per tutta la Valle d’Aosta che apre una nuova stagione autunnale di eventi al Forte di Bard che proseguirà nelle prossime settimane con progetti inediti, di grande impatto, nell’ottica di perseguire con concretezza il progetto di potenziamento dell’offerta turistica anche nei periodi cosiddetti di bassa stagione. In occasione del Marché il pubblico e le famiglie troveranno una ricca offerta espositiva che guarda con attenzione all’ambiente e alla sostenibilità, affiancata da momenti di animazione e spettacolo che renderanno la visita ancora più piacevole».

In questa edizione 2022 il Forte di Bard organizza e ospita negli spazi del ristorante La Polveriera, una cena con piatti tipici del territorio sabato 8 ottobre, alle ore 20.00. I piatti saranno abbinati a vini selezionati dal produttore Luciano Zoppo Ronzero dell’azienda agricola Pianta Grossa di Donnas. Il costo della cena è di 60,00 euro. Per prenotare: prenotazioni@fortedibard.it o chiamare il numero 0125 833811.

Nelle due giornate di Marché, sono previste inoltre delle animazioni collaterali alla manifestazione:

 

sabato 8 ottobre, dalle ore 13.00 alle 17.00, Il Soffio Magico, spettacolo di bolle di sapone itinerante a cura di Bubble on Circus;
domenica 9 ottobre, nella Piazza di Gola del Forte di Bard, l’artista torinese Francesco Giorda proporrà ogni ora dalle ore 13.00 alle 17.00, lo spettacolo StreetUp Comedy Circus: l’esperienza del teatro di strada unita alla comicità sottile e sagace tipica dello stand up anglosassone. Nel pomeriggio, esibizioni itineranti di Ale Bellotto, giovane e talentuoso illusionista che proporrà numeri di magia e di Alp King, il BeatBox Umano. L’artista si muoverà teatralmente tra i passanti dando vita ad una serie di esibizioni che uniscono l’arte della poesia e l’uso dei loop elettronici come linguaggio vocale moderno.
In entrambe le giornate è inoltre prevista, nell’ambito del Progetto strategico “PITEM M.I.T.O. – Esperienze/Experience outdoor”, cofinanziato nel Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Francia 2014/2020 (FESR) – , la possibilità di prenotare, gratuitamente, escursioni alla scoperta del territorio del Comune di Bard, accompagnati da guide della natura della Cooperativa Habitat.

Prenotazione obbligatoria da effettuare tramite mail a info@trekking-habitat.com oppure telefonando al 335 8118731 o ancora direttamente in loco presso il punto informativo situato in Piazza Cavour (Piazza del  Municipio).

“Quello tra la Chambre Valdôtaine, il Marché au Fort e tutti gli attori che lo animano – spiega il Presidente della Camera di Commercio Roberto Sapia – è un sodalizio che, insieme a tanto impegno, ha regalato soddisfazioni e successi e che, per questa ragione, abbiamo voluto riproporre anche quest’anno attraverso attività che nel passato avevano riscosso l’apprezzamento del pubblico ma anche con una importante novità rivolta in particolare alle imprese valdostane. Tornerà quindi l’iniziativa sapori valdostani offerti dalla Chambre legata al buono prodotto da 10 euro ogni 50 euro di spesa, così come l’attività di promozione dell’iniziativa sui mercati di prossimità. Novità di quest’anno sarà, invece, un’ attività a supporto dell’internazionalizzazione e della crescita delle imprese. In occasione dell’edizione 2022 del Marché au Fort, la Chambre, in collaborazione con la Camera di Commercio italiana in Svizzera, ha, infatti, organizzato una serie di incontri con buyer elvetici interessati al mercato valdostano. Per le imprese coinvolte, selezionate direttamente dai compratori svizzeri tra le oltre 20 aziende del settore agroalimentare che avevano dato la propria adesione all’iniziativa, l’appuntamento di Bard costituirà quindi una importante opportunità di crescita e di promozione della propria attività in un mercato di sicuro interesse. Grazie a queste iniziative speriamo che il Marché si confermi come uno degli appuntamenti di maggior interesse dal punto di vista turistico e promozionale, ma anche e soprattutto per quanto concerne l’attività delle nostre imprese”.

Nelle giornate dell’8 e 9 ottobre, nella Piazza del Municipio e lungo la via parallela alla Chiesa saranno presenti punti ristoro dove verranno proposti piatti da asporto a base di prodotti di qualità del territorio valdostano curati dall’Associazione Culturale Borgo di Bard e da operatori di Food Truck.

La Sindaca del Comune di Bard, Silvana Martino dichiara: «Porgo un ringraziamento gli organizzatori per aver voluto puntare anche per il 2022 su Marché au Fort che, anno dopo anno, ha preso sempre più importanza anche fuori dalla nostra Regione, portando il giusto riconoscimento alle eccellenze enogastronomiche del territorio valdostano. L’evento è anche una grande occasione di visibilità per il nostro piccolo Borgo, il che ci rende sempre più entusiasti e determinati nel proseguire con il nostro programma di riqualificazione e sviluppo artistico-culturale. Anche grazie all’attenzione che il Celva ha dedicato al settore delle bande musicali, abbiamo previsto delle animazioni con la partecipazione di quattro bande musicali che si alterneranno durante le due giornate di Marché, rendendo così ancora più allegra e vivace la manifestazione.”

Loading...