Home Cronaca Cronaca Aosta

Decisione assunta dall’Istituto Clinico ICV-ISAV

0
CONDIVIDI
Decisione assunta dall’Istituto Clinico ICV-ISAV

L’USL Valle d’Aosta prende atto della decisione assunta dall’Istituto Clinico ICV-ISAV di Saint-Pierre in merito alla presa in carico di pazienti Covid+ 

 

L’Assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali e l’Azienda USL della Valle d’Aosta comunicano di aver appreso –  per il tramite di una nota arrivata nel corso della serata di ieri, mercoledì 30 dicembre – la disponibilità da parte dell’Istituto Clinico ICV-ISAV di Saint-Pierre, a garantire l’assistenza sanitaria ai 33 pazienti Covid attualmente ricoverati presso la struttura di Saint-Pierre, fino alle loro dimissioni.

Dal 1° gennaio 2021,  ICV-ISAV ha comunicato di non essere più in grado di ricevere nuovi pazienti Covid positivi, una scelta fatta per consentire il recupero psico-fisico dei propri dipendenti. Nella lettera, viene inoltre precisato che la struttura di Saint-Pierre rimane comunque a disposizione per un’eventuale e futura valutazione volta a riattivare il Reparto Covid 35 posti letto, in un periodo ipotizzato 1° febbraio 2021-15 marzo 2021,  qualora l’Rt in Valle d’Aosta dovesse risalire attestandosi oltre la soglia di 1,3.

Preso atto delle decisioni assunte dall’Istituto Clinico ICV-ISAV di Saint-Pierre, la Direzione strategica dell’Azienda USL Valle d’Aosta, in accordo con l’Assessorato regionale, ha provveduto a mettere in atto tutte le disposizioni necessarie per garantire le dimissioni dei pazienti positivi Covid in via di guarigione dai reparti dell’Ospedale Parini,  secondo un ordine di priorità ben definito: precedenza verrà data all’impiego dell’Ospedale da Campo fino ad un massimo di 20 posti, a seguire la Struttura residenziale di Variney (che dal 1° gennaio 2021 sarà convertita in struttura sanitaria con 33 posti letto)  ed infine,  nell’eventualità di un aumento ulteriore di pazienti, saranno utilizzati ulteriori 20 posti letto della struttura G.B. Festaz, spazi messi a disposizione attraverso la riconversione parziale della RSA/UAP.

Questi interventi garantiranno di compensare la sospensione degli inserimenti prevista da ISAV per tutto il mese di gennaio 2021.

 


Loading...