Home Cultura Cultura Aosta

Musei, sei mostre nella stagione autunno inverno in Vda

0
CONDIVIDI

L’Assessorato dell’Istruzione e cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta comunica che sono sei le mostre in programma ad Aosta nella stagione autunno-inverno 2018-2019.

All’Hôtel des Etats di Aosta sarà inaugurata venerdì 28 settembre 2018 la mostra di arte contemporanea Oltre l’orizzonte, curata da Alessandro Parrella. L’accostamento delle opere della fotografa Tea Giobbio con quelle dell’art designer Walter Vallini porterà i visitatori dell’esposizione a cogliere suggestioni che, come suggerisce il titolo, varcano la soglia, quella dell’orizzonte del comune ragionare e osservare. Il percorso espositivo giunge ad Aosta dopo essere stato proposto in varie esposizioni da Milano a Roma, da New York a Torino fino a Monaco di Baviera.

La mostra, con ingresso gratuito, è aperta fino al 4 novembre 2018 con il seguente orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, chiuso il lunedì.

Al Museo Archeologico Regionale di Aosta è proposta al pubblico l’esposizione Collateral damages: 120 fotografie riguardano i reportage realizzati da Ugo Lucio Borga nei conflitti armati in Iraq, Siria, Ucraina, Libia, Somalia, Sud Sudan, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica Centrafricana, Eritrea, Kosovo, Bangladesh, Filippine.

Ugo Lucio Borga è un fotogiornalista e il suo lavoro si concentra sulle guerre – anche quelle dimenticate – sulle crisi umanitarie, sulle questioni sociali e ambientali in Africa, Sud America, Medio Oriente, Asia, Europa.

La mostra, con i testi critici di Marco Maggi e Daria Jorioz, sarà inaugurata venerdì 12 ottobre 2018 e rimarrà aperta fino al 31 marzo 2019, con orario da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. Il costo del biglietto d’ingresso è di 3 euro intero, 2 euro ridotto; ridotto 50% Alpitur; entrata gratuita per i minori di 18 anni.

Sarà possibile acquistare un abbonamento con la mostra Il mondo di Jacovitti, in corso al Centro Saint-Bénin di Aosta dal 27 ottobre 2018, al costo di 7 euro intero e 5 euro ridotto.

Al Centro Saint-Bénin di Aosta fino al 28 aprile 2019 sarà visitabile l’esposizione dal titolo Il mondo di Jacovitti. 250 disegni originali – schizzi, vignette, tavole di fumetti e illustrazioni – che ripercorrono sessant’anni di carriera del famoso disegnatore di Cocco Bill, Tom Ficcanaso, Tarallino, Occhio di Pollo, Jack Mandolino, Chicchirino, Cip l’arcipoliziotto e Zorry Kid.

Alcune tavole si potranno vedere in originale per la prima volta. Tra queste, 60 disegni di figurine realizzate nel 1954 per l’albo de Il Vittorioso “Genti d’ogni paese” in cui l’estro di Jacovitti spazia nei 5 continenti raffigurando a modo suo ogni popolo, veri esempi di calligrafismo disegnato.

I curatori della mostra sono Dino Aloi e Silvia Jacovitti, la figlia del famoso disegnatore.

La mostra, che si inaugura venerdì 26 ottobre 2018, sarà aperta dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. Chiuso il lunedì. Il costo del biglietto è di 6 euro intero, 4 euro ridotto; ridotto 50% Alpitur; entrata gratuita per i minori di 18 anni; abbonamento con la mostra Collateral damages in corso al Museo Archeologico Regionale al costo di 7 euro intero e 5 euro ridotto.

All’Area Megalitica di Saint-Martin-de-Corléans saranno le stele di Donato Savin ad aprire la stagione autunno inverno 2018-2019; la mostra sarà inaugurata venerdì 9 novembre 2018.

Savin sceglie per le sue opere la pietra dura, lo gneiss del Gran Paradiso, la magnetite di Cogne, il marmo bardiglio, quello di Runaz, il granito. Un’immaginaria linea unisce le stele di Savin alle stele antropomorfe dell’Area Megalitica di Saint-Martin-de-Corléans, una linea che supera spazio e tempo e che congiunge culture e sculture arcaiche e contemporanee. Sarà visitabile fino al 18 febbraio 2019, dal martedì alla domenica, con orario 10-13, 14-18, chiuso il lunedì.

Alla Chiesa di San Lorenzo di Aosta sarà aperta fino a domenica 24 marzo 2019 la mostra La montagna fotografata, la montagna scolpita. Stefano Venturini e Ladislao Mastella. La rassegna mette a confronto le opere di un fotografo e di uno scultore, che dialogano all’interno del suggestivo spazio espositivo aostano. La mostra, curata da Daria Jorioz, propone grandi fotografie accostate a sculture in legno di noce, betulla, acero, cirmolo e frassino. Gli scatti di Stefano Venturini sono realizzati in Valle d’Aosta e illustrano paesaggi di alta quota, ma anche dettagli di boschi e di torrenti, tutti rigorosamente in grande formato.

Ladislao Mastella partecipa alla Fiera di Sant’Orso da oltre 50 anni e propone per questa esposizione gli originali galletti, ma anche le maschere del Carnevale, le grolle, le colombe della pace.

La mostra, con ingresso gratuito, sarà inaugurata il 30 novembre 2018 e aperta con il seguente orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, chiuso il lunedì.

All’Hôtel des Etats di Aosta si inaugurerà venerdì 14 dicembre la mostra La città che cresce. Le quartier “Cogne” à Aoste. L’esposizione, nata dalla collaborazione tra l’Archivio storico regionale e la Struttura Attività espositive, è volta alla valorizzazione del patrimonio documentario della Regione autonoma Valle d’Aosta e presenta quest’anno un approfondimento dedicato al materiale depositato nel vasto archivio della società nazionale Cogne. Saranno esposti disegni di grande formato, anche tratti dal progetto originale dell’Ansaldo (1918), alcuni acquerellati e di grande effetto, volti a comprendere lo sviluppo urbanistico del quartiere.

La mostra, con ingresso gratuito, è aperta fino al 10 marzo 2019 con il seguente orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, chiuso il lunedì.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here