Home Cronaca Cronaca Aosta

Il medico Carlo Vettorato nominato Commendatore della Repubblica

0
CONDIVIDI
Carlo Vettorato

Carlo Vettorato, 71 anni, conosciuto e sempre stimato per la sua professione di medico nella città di Aosta, è stato nominato Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Vettorato ha ricevuto l’onorificenza dal Sergio Mattarella, presidente della Repubblica. Nelle varie motivazioni si legge: «Vettorato ha dato il suo prezioso contributo nella ideazione e realizzazione dell’attività di elisoccorso in Valle d’Aosta e nella sensibilizzazione sul tema della sicurezza in montagna». ̶  Si legge anche   ̶  Vettorato è una colonna della Protezione Civile in Valle d’Aosta. A lui si deve la nascita del moderno Servizio di Elisoccorso della Regione».

Nel 1972, in qualità di medico anestetista e rianimatore in servizio all’ospedale Parini di Aosta, ha iniziato le attività di elisoccorso operando con la Smalp (Scuola Militare Alpina) e il Ral (Reparto Aviazione Leggera dell’Esercito). Il primo dicembre 1984, anche grazie all’arrivo del medico Alessandro Bosco, il servizio diviene permanente cioè 365 giorni all’anno. Fosson, già responsabile del 118 valdostano, ha anche ideato e sviluppato iniziative quali l’attuale Centro di medicina di montagna, volto a fornire servizi ai frequentatori e ai professionisti della montagna.

«Un orgoglio per la Valle d’Aosta e per il sistema sanitario e di emergenza regionale  ̶  Così il presidente della Regione Valle d’Aosta, Antonio Fosson, a nome del Governo regionale, commenta su twitter l’onorificenza che il presidente Mattarella ha conferito a Carlo Vettorato. ̶  E’ stato tra i pionieri del soccorso alpino –Fasson conclude dicendo – e soprattutto dell’elisoccorso. A lui la nostra stima e le congratulazioni per l’onorificenza»

Il riconoscimento di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana va ai cittadini che si sono distinti “per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nel soccorso, per l’attività in favore dell’inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella tutela dei minori, nella promozione della cultura e della legalità”. A.Bov.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here