Home Spettacolo Spettacolo Aosta

Chateaux Ouverts, boom di visitatori in questa edizione

0
CONDIVIDI
Castello di Aymavilles

Sono stati più di 15 mila i valdostani e i turisti che hanno partecipato al cantiere evento al castello di Aymavilles, dal 4 al 26 agosto 2018.

I numeri di questa edizione di Châteaux Ouverts sono più che soddisfacenti: rispetto alle precedenti edizioni, le presenze sono quasi triplicate. Per il cantiere evento di Quart (aperto dal 5 al 28 agosto 2016) si erano infatti registrati 5.800 visitatori, mentre a Château Vallaise d’Arnad avevano fruito dell’apertura del cantiere evento 5.600 persone (dal 12 al 27 agosto 2017).

Organizzato dall’Assessorato dell’Istruzione e cultura in collaborazione con il Comune di Aymavilles, nell’ambito della rassegna culturale Châteaux Ouverts, il cantiere evento si è concluso domenica scorsa, 26 agosto, con la sfilata-spettacolo Rêves, a cura dell’Associazione culturale La Bottega dei Sogni.

Il numero di ingressi è stato pari a 15.013, con una netta maggioranza di turisti. In media si è registrato l’ingresso di circa 600 persone al giorno, con punte di 700 visitatori, contro i 250 previsti inizialmente. Per venire incontro a questa grande richiesta, abbiamo deciso, fin dai primi giorni, di raddoppiare i turni di visita, prevedendo gli ingressi dei gruppi ogni 15 minuti anziché ogni mezz’ora. Questo ha comportato un notevole impegno da parte di tutto il personale, che si è dimostrato molto disponibile e professionale — dichiara l’Assessore Paolo Sammaritani. Grazie alla collaborazione messa in atto con l’Amministrazione comunale di Aymavilles e con i suoi volontari, che è stata fondamentale per la buona riuscita della manifestazione, l’evento non è rimasto confinato al castello di Aymavilles, ma ha coinvolto anche il territorio circostante: molti visitatori hanno scelto di abbinare la visita gratuita della dimora alla scoperta del Ponte-acquedotto romano di Pont-d’Aël, del castello Sarriod de La Tour di Saint-Pierre o del Castello Reale di Sarre, arricchito dalla mostra Maria José. Reine de l’élégance.

Un mese di agosto da incorniciare per la comunità — commenta Loredana Petey, Sindaco di Aymavilles. L’apertura straordinaria del castello è stato un evento di eccezionale importanza: lo dimostrano i tantissimi visitatori che, varcato il cancello di ingresso, sono stati sin da subito colpiti dalla magnificenza dell’edificio restaurato. Questo successo è frutto del lavoro continuativo e innovativo dell’Amministrazione regionale con il confronto e la collaborazione dell’Amministrazione comunale. Siamo molto soddisfatti di quanto è stato fatto e continueremo su questa strada. Con la futura apertura, il castello diventerà un motore culturale, produttivo ed economico del nostro territorio.

Il successo dell’iniziativa è sintomo dell’interesse sempre più vivo nei confronti del patrimonio culturale valdostano e non può che renderci più che soddisfatti — dichiara il Soprintendente Roberto Domaine. Le persone sono oggi in grado di percepire l’alta qualità dei restauri. In questo modo le attività di ricerca, conservazione e valorizzazione portate avanti dalla Soprintendenza assumono un valore esponenziale. La grande affluenza di pubblico manifesta l’importanza rivestita dai beni culturali, che non sono da intendersi come costo, ma come investimento per lo sviluppo economico e culturale del territorio.

Il cantiere-evento si colloca al termine di complessi lavori finalizzati al restauro e alla valorizzazione del sito promossi dalla Soprintendenza per i Beni e le Attività culturali, che ha messo in atto una serie di azioni utili alla conoscenza e alla comprensione dell’evoluzione storica del monumento. Uno degli obbiettivi era di valutare le necessarie operazioni in vista del futuro allestimento e dell’apertura del sito al pubblico. L’occasione ha quindi permesso di mettere a punto parte del percorso di visita, a partire dalla biglietteria e fino al secondo piano dell’edificio. Il sistema di gestione definitivo sarà calibrato con la predisposizione degli allestimenti museali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here